Altri contenuti - Accesso civico


Art. 5 D.lgs. n. 33/2013

Accesso civico "semplice" concernente dati, documenti e informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria - art. 5, comma 1 D.lgs. n. 33/2013
Diritto di chiunque di richiedere gratuitamente la pubblicazione di dati, documenti o informazioni di cui sia stata omessa la pubblicazione.
L'esercizio del diritto non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente. L'istanza di accesso civico indirizzata al Responsabile della Trasparenza Dott. Fabio Fulghesu (Tel. 0783931678 - Fax. 0783931679) deve identificare i dati, le informazioni o i documenti richiesti e non richiede motivazione. L'istanza può essere trasmessa per via telematica all'indirizzo protocollo@comune.gonnosno.or.it oppure protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it o tramite posta ordinaria o consegna a mano presso Comune di Gonnosnò Via Oristano n. 30 - 09090 Gonnosnò (OR).
Il Responsabile della Trasparenza, dopo aver ricevuto la richiesta, la trasmette al Responsabile del Servizio interessato e ne informa il richiedente. Il Responsabile del Servizio, entro trenta giorni dalla presentazione della richiesta pubblica nel sito istituzionale del Comune il documento, l’informazione o il dato richiesto e contestualmente lo trasmette al richiedente, ovvero gli comunica l'avvenuta pubblicazione indicando il relativo collegamento ipertestuale. Se quanto richiesto risulta già pubblicato si provvederà a indicare al richiedente il relativo collegamento ipertestuale. Nel caso in cui il Responsabile del Servizio ritardi o ometta la pubblicazione o non dia risposta, il richiedente può ricorrere al soggetto titolare del potere sostitutivo, il Segretario Comunale, il quale, dopo aver verificato la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, dispone la pubblicazione nel sito di quanto richiesto e contemporaneamente ne dà comunicazione al richiedente, indicando il relativo collegamento ipertestuale.

Accesso civico generalizzato concernente dati e documenti ulteriori - art. 5, comma 2 D.lgs. n. 33/2013
Diritto di chiunque di accedere ai dati e documenti detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti. L'esercizio del diritto non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente. L'istanza di accesso civico generalizzata indirizzata all'Ufficio che detiene i dati e i documenti (Tel. 0783931678 - Fax. 0783931679) deve identificare i dati o i documenti richiesti e non richiede motivazione. L'istanza può essere trasmessa per via telematica all'indirizzo protocollo@comune.gonnosno.or.it oppure protocollo@pec.comune.gonnosno.or.it o tramite posta ordinaria o consegna a mano presso Comune di Gonnosnò Via Oristano n. 30 - 09090 Gonnosnò (OR). Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall'amministrazione per la riproduzione su supporti materiali.
Se vengono individuati soggetti controinteressati (coloro che potrebbero subire un pregiudizio concreto al diritto alla riservatezza, al diritto alla libertà e segretezza della corrispondenza, agli interessi economici e commerciali, ivi compreso il diritto di autore e i segreti commerciali) si darà comunicazione agli stessi, mediante invio di copia con raccomandata con avviso di ricevimento, o per via telematica per coloro che abbiano consentito tale forma di comunicazione. Entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione, i controinteressati possono presentare una motivata opposizione, anche per via telematica, alla richiesta di accesso. A decorrere dalla comunicazione ai controinteressati il termine di conclusione dell'iter procedimentale è sospeso. Decorsi dieci giorni, la pubblica amministrazione provvede sulla richiesta, accertata la ricezione della comunicazione. Il procedimento di accesso civico deve concludersi con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati. In caso di accoglimento, l'amministrazione provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti. In caso di accoglimento della richiesta di accesso civico nonostante l'opposizione del controinteressato l'amministrazione ne dà comunicazione al controinteressato e provvede a trasmettere al richiedente i dati o i documenti richiesti non prima di quindici giorni dalla ricezione della stessa comunicazione da parte del controinteressato.
Nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza Dott. Fabio Fulghesu che decide con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni. Se l'accesso è stato negato o differito a tutela degli interessi il responsabile provvede sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta. A decorrere dalla comunicazione al Garante, il termine per l'adozione del provvedimento da parte del responsabile è sospeso, fino alla ricezione del parere del Garante e comunque per un periodo non superiore ai predetti dieci giorni. Avverso la decisione dell'amministrazione competente o, in caso di richiesta di riesame, avverso quella del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il richiedente può proporre ricorso al TAR ai sensi dell'articolo 116 del Codice del processo amministrativo di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104. Il richiedente può altresì presentare ricorso al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito. Qualora tale organo non sia stato istituito, la competenza è attribuita al difensore civico competente per l'ambito territoriale immediatamente superiore. Il ricorso va notificato all'amministrazione interessata. Il difensore civico si pronuncia entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso. Se il difensore civico ritiene illegittimo il diniego o il differimento, ne informa il richiedente e lo comunica all'amministrazione competente. Se questa non conferma il diniego o il differimento entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione del difensore civico, l'accesso è consentito. Qualora il richiedente l'accesso si sia rivolto al difensore civico, il termine decorre dalla data di ricevimento, da parte del richiedente, dell'esito della sua istanza al difensore civico. Se l'accesso è stato negato o differito a tutela degli interessi il difensore civico provvede sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta. A decorrere dalla comunicazione al Garante, il termine per la pronuncia del difensore è sospeso, fino alla ricezione del parere del Garante e comunque per un periodo non superiore ai predetti dieci giorni. Nei casi di accoglimento della richiesta di accesso, il controinteressato può presentare richiesta di riesame e presentare ricorso al difensore civico.

Registro degli accessi Linee guida ANAC FOIA (Delibera n. 1309/2016)
Elenco richieste di accesso (atti, civico e generalizzato) con indicazione oggetto, data richiesta e relativo esito con indicazione data decisione
Allo stato attuale non si registrano richieste di accesso

Scarica gli allegati disponibili:

Condividi su